martedì 31 luglio 2012

Hindi per cui


Uomo indiano che sei seduto al mio fianco, se solo io potessi conoscere la tua lingua.

Forse ti chiederei cosa ti ha spinto ad abbandonare le affollate rive del Gange per giungere sulle coste del Belpaese.
Se sapessi parlare in indiano probabilmente ti domanderei di descrivermi le straordinarie ed universali bellezze architettoniche del Taj Mahal.
Uomo indiano, perchè non mi posso far capire? Potrei chiederti, chissà, di narrami la storia della tua martoriata terra, le intricate strade di Calcutta, il tramonto purpureo che colora le colline di Bombay, il formicaio umano nel sottobosco di Delhi.
Quanto avrai sofferto, uomo indiano. E quanto avrà sofferto il tuo paese, violentato nei secoli dall'uomo bianco, che ne ha preso il cuore e ferito l'animo.
Mi diresti quello che vorrei sapere, se conoscessi il tuo idioma, uomo indiano?
O ti celeresti dietro l'immateriale paravento della diffidenza e della differenza?
Se sapessi parlare la tua lingua, uomo indiano seduto al mio fianco.
Forse vorrei sapere da te quanto ancora dovrai penare per cercare la tua dimensione, prima che Shiva ti abbia in gloria.
Quanto ti manca un gustoso shrikhand.
O, più probabilmente, mi farei dire come si dice in indiano: “Ti sai mettere una mano davanti a quella cazzo di bocca quando tossisci?”.

Scusa, uomo indiano.

14 commenti:

  1. l'eterna lotta tra bene e male, diceva qualcuno.
    very bad.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non eccessivamente molti ignorano che.

      Elimina
  2. Oppure potresti dire "No! Non ti faccio ascoltare musica dai miei auricolari, che poi fai come l'altra volta e me la riempi di cerume!".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi si sente il rumore del tappo che si si stappa.

      Elimina
  3. eccheccazzo una volta eri meno razzista!
    io l'ho sempre detto che col tempo si migliora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è vero. Avrei fatto lo stesso se fosse stato un filippino.

      Elimina
  4. un giorno mi sono ritrovato davanti un inturbanato che ci aveva piantato un coltello da lavoro, in assenza dell'idioma non sono riuscita a chiedere se anche la forchetta la piantava lassù...

    RispondiElimina
  5. Quando ci vuole...ci vuole!!!

    RispondiElimina
  6. Grande.

    Grazie mille per il commento, CIAO!!!

    RispondiElimina
  7. Non sei tu razzista. E' lui che fa l'indiano.

    RispondiElimina
  8. Ma, tanto per sapere, le coste del Belpaese sono quelle di Rimini e Riccione, così simili al Gange?

    RispondiElimina
  9. ahhhhhhhhhhhhhh.. cosa t'avrà trasmesso, dove sei? :p

    RispondiElimina
  10. ci deve essere stato un malinteso non volevo scrivere questo commento

    RispondiElimina