giovedì 2 maggio 2013

Che fine ha fatto Ettore Aldimari?

 

Ero un uomo medio. Senza pretese. Con le mie fissazioni. Mi pentivo di essermi tagliato la barba, mentre la tagliavo. Allora lasciavo crescere i baffi.
Per lungo tempo ho lavato molto più spesso la parte sinistra della mia bocca.
Ho dormito dieci anni senza cuscino, poi non ne ho potuto più fare a meno.
Ero convinto di avere in mano il destino del mondo, e ne rispettavo la sorte gestendo il giusto numero di passaggi sugli zerbini che incontravo nel mio percorso.
Guardavo con nostalgia i capelli tagliati dal barbiere, cadere in terra ed essere calpestati da quest'uomo completamente calvo. Non ci avevo mai fatto caso.
Davanti ai miei occhi aprivano e chiudevano pub irlandesi gestiti da materani, centri benessere nei quali poter prendere la tua epatite preferita, sale scommesse affollate di illusi divoratori di unghie e diana bludure, compro-vendo-presto-rubo-scippo oro.
Camminavo a testa bassa.
Non avevo pacche sulle spalle.
Non avevo spalle.
Andare al lavoro, restare a casa, perire in un maremoto non faceva differenza per me. Tutto procedeva con una sorda, ovattata linearità.
Era un periodo buio.
Non c'erano social network. Riuscivamo a sentirci soli senza bisogno di tecnologia.

Poi è arrivata lei.
Bella come una canzone bella.
Segreta. Luminosa. Misteriosa. Calda.
Capace di nulla, quando più si ha bisogno di tutto.
In grado di ogni cosa, quando non ci pensi, ormai, più.
Cambiandomi, molecola per molecola, pensiero su pensiero, indefinitamente.

Poi è andata via.

10 commenti:

  1. consolati, ti restano i social network e un sacco di amicicici

    RispondiElimina
  2. Mi hai tolto la domanda di bocca.
    Poi, non conoscendo le tue vicende, mi accosto a questo pezzo soltanto come a un racconto, e allora come racconto ti dirò che considero la fine un vero lieto fine: non sopporto le storie stucchevoli in cui a risolvere magicamente tutto è la solita "lei". Viva l'oceano di libertà che si è creato per il protagonista di nuovo padrone di sé stesso! (Nel caso non fosse chiaro, questo commento cerca, forzatamente e goffamente, di essere consolatorio e volpeuvesco, nel caso in cui la storia fosse vera...)
    Un abbraccio grande, mio caro amico!

    RispondiElimina
  3. 'sticazzi!
    in questo post non si riesce a sdrammatizzare con la solita battutina... del resto come si può scherzare su una cosa tanto seria come il lasciarsi crescere i baffi!?

    RispondiElimina
  4. Lo so Ettore.... Anche io ho smesso di fumare di recente....

    RispondiElimina
  5. A meno che tu non alluda alla marijuana, non so di cosa tu stia parlando. Comunque mi piace.

    RispondiElimina
  6. quindi ora almeno le spalle ce le hai?

    RispondiElimina
  7. il porno. Soprattutto il porno.

    RispondiElimina
  8. .... porcapaletta! Sono solidale con te!

    RispondiElimina