giovedì 3 marzo 2011

Ai posteri, l'hard

Ma nessuno pensa mai alle assonanze?
Oliviero Toscani, intervistato dal Secolo XIX, ha affermato, usando un'elegante allegoria, che le donne sono tutte troie. Per lui le donne sono bestie da sesso. "Per fortuna non ho mai avuto mogli italiane. Culi bassi, gambe corte e ascelle pelose. Mi state sulle palle”, aggiunge, citando Tagore. Per Toscani il gentil sesso "preferisce puntare sulla bellezza, anziché sull'intelligenza e le donne intelligenti non lo sono abbastanza. O non hanno abbastanza forza per opporsi. Fanno schifo", chiude.
Ha dei modelli abbastanza particolari, il barbuto fotografo di cavalli eccitati, suore lesbo e capre multicolor. Di solito in questi casi si esclude la mamma, ma lui non lo fa. E nel grande marciapiedi che è l'italia vede un nugolo di borse roteanti, alla ricerca del primo vecchio flaccido da spennare. Come parte del discorso per un primo appuntamento credo ci sia  bisogno di alcune limature.

Toscani non ci ha ancora parlato di quello che pensa degli uomini. Non ci è dato sapere se abbiamo il culo basso o alto, se le nostre ascelle sono adatte al suo sguardo critico, se gradisce i nostri polpacci. Dovrebbe dare un giudizio, se non su tutti, almeno su 8 milioni di maschi italiani. Che sono quelli che, almeno una volta al dì, si fanno una bella scorribanda sul porno online, secondo una fondamentale ricerca dell'Università di Padova.
8 milioni di italiani, mica io, mammeta e tu (che tra l'altro sarebbe anche un piacevole menagè a tròis, se tu fossi lei).
16 milioni di occhi in continuo movimento, 16 milioni di mani, 40 milioni di dita, e via moltiplicando. 8 milioni di sensi di colpa. 
Ne è passata di acqua sotto i ponti (e non solo lì), da quando le ultime pagine del Postalmarket erano il refugium peccatorum del teenager in cerca di un climax su misura. Oggi, con un paio di agili click, ci si imbatte su siti del genere.
Anoressia sessuale, è la definizione. Sessualità fredda e ripetitiva.
L'andrologo dice che nei giovanissimi l'accesso precoce a “tanta roba” spezzerebbe la crescita verso una vita sessuale piena e legata all’affettività. «È una vera e propria sindrome clinica che colpisce la fascia più giovane della popolazione maschile, che ci consulta perché ha difficoltà di erezione e un progressivo disinteresse al sesso», conclude lo scienziato, attendendo il completamento del buffering di una sagace interracial gang bang. 

In sostanza Femmine contro Maschi, negli anni a venire, altro non sarà che Peripatetiche contro Onanisti. Stiamo messi bene.

20 commenti:

  1. non riesco a comprendere il culto-johansson. a parte le tette, cos'ha? recitativamente parlando è mediocre. e in più c'ha il naso di mia zia natalina.

    cmq, se il futuro che si prospetta è "putanùn vs segaiolo" c'è speranza che 'sto mondo si concluda presto.

    RispondiElimina
  2. secondo me gli accenti sbagliati nel ménage à trois è un codice segreto o una satira, vero ?

    RispondiElimina
  3. @ web et lu: succede anche nelle migliori famiglie..

    @ ciku: potresti avere ragione. O presentarmi tua zia.:)

    @ D.: je voulais faire une satire (quelle honte!) :)

    RispondiElimina
  4. Non so' chi sia codesto oliviero, ma hai fatto bene a prendere posizione e schierarti con le donne, almeno di quest'ultime sappiamo tutti che sono il sesso debole.

    RispondiElimina
  5. ma quale sesso debole gli mollo un due guance velocissimo e lo sbatto sul muro a far da pubblicità al filo interdentale, modello uomo vecchio, ultimo ministro dell'attuale governo con gengive sanguinanti… poi sopra ci graffito a strati! Sono reduce dalla visione di alcuni film nippo, scusate, mi ricompongo! 666)

    RispondiElimina
  6. Fica la Scarlet..
    Però anche io che sono donna ho cliccato "siti del genere"!!
    Quando leggo queste cose sugli uomini,mi spiego perchè cerco i quarantenni e non quelli della mia età....

    RispondiElimina
  7. devo sapere o no con chi ho accheffare? nella migliore delle famiglie.. ;)

    RispondiElimina
  8. Quante scorribande tra le tag di PornHub. Attendo il giudizio di Oliviero.

    RispondiElimina
  9. sul senso di colpa abbozzerei...

    RispondiElimina
  10. sei riuscito ... comunque io sono scettica sull'interpretazione dei ricercatori, le cause potrebbero essere altre, ad esempio l'inquinamento (lo sai che nella Senna i pesci sono tutti trans ?)

    RispondiElimina
  11. @ fra vs. petrol: non vi contrapponete, sono sensibile.

    @ violacea: è un'interessante riflessione la tua. Bisognerebbe indagare oltre.

    @ jodoroska: devi sapere TUtto.

    @ T.: non le avevo mai sentite chiamare "scorribande". Rende l'idea.

    @ Ubi: no, parliamone.

    @ D.: troppo comodo l'alibi dell'inquinamento: la colpa è veramente della rete (non delle calze).

    RispondiElimina
  12. Così ora anche le seghe sono un problema.
    Tutti gli uomini si ammazzano di seghe a un certo punto dell'adolescenza/giovinezza, poi un giorno, mentre barcollano e sprofondano nelle loro stesse occhiaie, improvvisamente si rendono conto di cosa vuol dire spremersi volontariamente i genitali tutti i giorni più volte al giorno, capiscono come funziona il loro corpo, ipotizzano come possa essere una vera vita sessuale e cominciano a darsi una regolata.
    Questo esperto qui ti dice che bisogna passarci, che non è da biasimare, che è solo madre natura e che succedeva anche prima, con o senza porno gratis online.

    RispondiElimina
  13. la colpa è del formaggino mio che le mamme mettevano nella minestra fatta col brodo ;-)

    RispondiElimina
  14. orsù si vede che stasera sono spacciata, volevo scrivere dado e non brodo... [vado a fare riposare i neuroni in croce]

    RispondiElimina
  15. non provo senso di colpa, anzi, me ne compiaccio ogni volta

    RispondiElimina
  16. Concordo con Sassicaia Molotov. E sinceramente mi stupisce sapere che Toscani abbia avuto più di una moglie.

    RispondiElimina