mercoledì 8 febbraio 2012

Noi credevamo


Mi sono laureato ha 26 anni. A 28 già mero fatto il X5, e me lo scarico ancora. A ragione il ministro, quelli che si laureano dopo i ven’totto anni sono sfigati.
Mio padre fa il costruttore e cià un sacco di clienti inportanti. Mi ha fatto fare la ragioneria, che conosceva il preside. Gli aveva fatto i lavori a nero nella manzarda e lui gli doveva il favore. Anche se non ci andavo, a scuola ero promosso all’anno dopo. Una volta ho infuocato il negro della terza, che voleva una ragazza bianca, e si doveva stare nel suo, che io non vado in africa a fregarmi le negre a loro, anche perché chi le vuole quelle. La scuola era per me alla strenna di un luna parc. L’ultimo anno vendevo le pleigine fuori all’ingresso. Mamma lavora alla segreteria dell’università di economia, e commercio. Mi a iscritto senza nemmeno pagare l’aretta, tanto poteva falsare le carte, che lei sta nella segreteria e lavora insieme a un anticappata. 

Gli anni dell’università sono stati i meglio della mia dolescenza. Quanto ho fumato in quei anni. Se lo venivano a comprare a casa nostra, il fumo e lo facevamo pagare lira di Dio, comunisti del cazzo. A un certo punto però, poi, pensevamo anche alle cose serie, che erano anni di studio. E chiavavamo come le bestie, che basta che le facevi fumare e sai le troie. Nei ritagli di tempo, tornei di plaistetion. Poi babbo mi ha fatto laureare con la tesi che a scritto un suo dipendente inteligente, coi figli piccoli, che gli servivano i soldi, e papà gli ha fatto fare gli straordinari e lui è uno che lavora alla clemente. E faceva anche la mia università, ma non si è laureato ancora. Che sfigato. A ragione il ministro.

13 commenti:

  1. Come ho scritto su altri Blog queste terminologie e modi di relazionarsi sembrano ricalcare il rapporto tra gli Dei e il povero essere umano. Mi alleo con Ade, magari è meno ipocrita.
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente pettinato meglio di Martone.

      Elimina
  2. io non sono laureato e vivo felicemente, ma il protagonista sottinteso di questo post lo potrei uccidere senza problemi anche subito!

    RispondiElimina
  3. "alla strenna".. mi farai morire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. era quello che volevo dire io! m'hai preceduta... (e finalmente posso inserire un commento senza dovermi scusare). anche "economia, e commercio" è notevole.

      Elimina
    2. Quanta violenza, sotto questo cielo.

      Elimina
  4. e lui è uno che lavora alla clemente

    muahahah!

    RispondiElimina
  5. Mi viene da piangere. Sempre così quando leggo storie tratte dalla realtà (quella italiana poi...)

    RispondiElimina
  6. il ragazzo è di sani principi,
    si ritaglierà la sua brava fetta di torta,
    magari in politica
    per il bene del valoroso bobbolo tajano

    RispondiElimina
  7. Ma ti scrive Renzo Bossi i testi dei post?

    RispondiElimina
  8. Io mi sono laueata a 28anni trattabili. E' che io nella mediocrità degli sfigati ci sguazzo.

    RispondiElimina