domenica 2 gennaio 2011

Come volevasi dimostrare (domenica lunatica)


Questo post non è un appello di Jimmy Wales


Non ci sono mutazioni genetiche o invasioni caucasiche che tengano. Ogni  laicamente, santissimo anno che passa, la malinconica lunaticità pervade la matassa ed i primi giorni dell’anno si toccano punte di sbalzi d’umore che neanche Frida Kahlo quando fece conoscenza approfondita con il corrimano di un autobus (quanta fantasia, all’epoca, per nascondere un eccessivo frotteurismo.). 

Tutta l’umanità mi prende le sembianze di quelli che vanno in giro d’estate col cappello da baseball con la visiera all’indietro, ma la mano sulla fronte perché il sole dà fastidio. 
Poi, un attimo dopo, amo tutti. Tranne quelli coi SUV che sgasano ai semafori.

Saranno questi balconi sgargianti addobbati da ipovedenti. Saranno i panettoni che iniziano ad indurirsi. Sarà il profumo delle domeniche pomeriggio, con il vapore del ferro caldo che copre l’unto aereo della pasta al forno. Saranno le parole che non le ho detto.

Fatto sta che si battono diversi stati d’animo, tutti comunque tendenti a sovvertire l’ordine sociale, almeno del condominio, tra il cauto pessimismo e l’inconcludente ottimismo.

Il Rantolo della Matassa oscilla.

[seguono una storia vera ed una storia verissima. E'stato abbattuto qualche albero. Ettore Aldimari non risponde di offese personali. Ogni riferimento a fatti, cose, persone, malattie veneree esistenti è puramente casuale e volutamente causale. Il presente post è dedicato a tutte quelle cassiere di supermercato che hanno passato le feste, 4 ore al giorno, al fianco della cassa self, a sentire "centesimi, centesimi, centesimi". Massimo rispetto, sorelle]

 


27 commenti:

  1. Presto ti stabilizzerai sullo stato d'animo del pessimista soddisfatto, cioè quello che scopre con gioia che aveva fatto bene ad essere pessimista.

    RispondiElimina
  2. Ti prego dimmi che non sono tue quelle scarpe. Bello il capodanno di tuo cognato. Gli avrà fin fatto passare la voglia del "chi non ciula a capodanno ecc ecc".

    RispondiElimina
  3. e come sai che il mio pomeriggio di domenica sa di vapore di ferro ?...oddio sei veggente !

    RispondiElimina
  4. Pensa, io oscillo così tutto l'anno.

    RispondiElimina
  5. Grazie della dedica caro!!! Come dicevo prima...Anche tu sei in crisi premestruale! Ti bacio!

    RispondiElimina
  6. Penso che sull'altalena dell'umore che dondola tra l'anno vecchio e quello nuovo ci saliamo un po' tutti.
    Ettore, sono tua lettrice attenta..cerco di non farmi sfuggire nulla di quello che scrivi ed infatti, anche stavolta, ho fatto la mia ricerchina..
    Mica lo sapevo del corrimano dell'autobus che si staccò, trafisse il fianco di Frida Kahlo ed uscì dalla vagina.. (cheZZZZZtoriaaaaaa!)

    La scarpa è orribile..ma proprio per questo FANTASTICA...è ORTOPEDICA? ;)

    Il racconto del capodanno burraco..è bellissimo.
    Tristezza nebulizzata,dolce malinconia diffusa..
    Alla fine della storia ho capito ancora meglio che il DESTINO ha BISOGNO di NOI per DIVENIRE.
    Da solo..serve a niente :)

    Ed ora cantiamoooo:

    Scioooooooolgo le trecce e i cavalli
    corrooooono
    e le tue gambe eleganti
    ballaaaaaaaaaano
    balla per mebballabballa
    tutta la notte seibbella
    non ti fermare mabballa,
    finacchèèèèèè
    non finiranno le stelle
    l'alba dissolva il tramonto
    na na naaaaaa........

    RispondiElimina
  7. Uh, ho una scarpa guasuguale a quella. Una sola, due era troppo. Vedo che l'umore è diffuso, bene.

    RispondiElimina
  8. eh sì
    questo passare da un sentimento all'altro è tipico di queste feste, direi inevitabile

    passeranno anche loro...

    RispondiElimina
  9. Tranquillo. Il 2012 si avvicina.

    RispondiElimina
  10. @ lipes: bene, pessimista soddisfatto mi calza a pennello. il problema è che infondo negli altri solo tragico ottimismo

    @ benz: quelle scarpe determinano le sorti del paese (vedi sotto)

    @ D.: credo che tutti noi abbiamo o abbiamo avuto domeniche pomeriggio ferrovaporose. dopo qualche anno di posa nel cervello di solito si finisce a scrivere blog.

    @ Patè: buena suerte (poi mi spieghi come si fa). Il problema è che quando oscillo nel bene penso al male e non viceversa. passerà, o farà soltanto lalala.

    @ Violet: si, ma tra qualche giorno che faccio? io vado in piscina, mi consigli quello interno? ;)

    @ webr: spero non ci faccia running con il sovrattacco. tra l'altro, uno solo...

    @ its: si, ma quest'anno sembro quasi sconfitto dal jetlag umorale. per il 10/01 sono pronto per il pubblico di forum.

    @ peppe giacobbo: hai ragione pure tu.

    @ Grace (proprietaria del terreno su cui sorge il blog e curatrice spirituale del medesimo):
    a disamina completa ci vuole risposta pregna=
    1. capito perchè la Kahlo non aveva il tempo materiale per pensare allo sfoltimento delle sopracciglia?
    3. il destino è un autore impareggiabile. Secondo solo a jj abrams.
    4. ti rivelo un segreto che sapevamo solo io, Giorgio Verdelli e Umberto Balsamo. Sciogli le trecce parla di te: "Vorrei sedere dietro quel banco - E tu maestra mi parlerai - Insegna pure com si deve - Come si deve una donna amare".
    2. L'uomo attaccatto a quel piede contenuto in quella scarpa è, inopinatamente, il Presidente del Consiglio dei Ministri della sciagurata Repubblica Italiana.

    RispondiElimina
  11. Ettore, sono d'accordo, ma io intanto studio botanica tra 2 magliette tirate a lucido...tu no !

    RispondiElimina
  12. Oscilla sì, ma non si spezza, acciaio sempre durissimo, come solo NOI uomini senza tempo

    RispondiElimina
  13. @ D.: Touchè. Non sono un figlio di botanica.

    @ Frac: acciaio temprato e temperato. e pacchetto di ms morbide.

    RispondiElimina
  14. Si si,con quello interno vai liscio!! E...Mi raccomando la ceretta!! ;)

    RispondiElimina
  15. touché ... ah ti ho beccato !

    RispondiElimina
  16. Lalallà è il mio motto.
    Sto in equilibrio perfetto e dinamico tra il peggio deve ancora venire e meglio una gallina oggi che un uovo mai. Con botte di vita qua e lalallà..

    RispondiElimina
  17. Ettore, il prossimo passo sarà l'appuntamento del sabato dal coiffeur per "una piega veloce"?

    RispondiElimina
  18. Mica vero che i panettoni si induriscono, eh. Lo so perché li comprerò a metà prezzo quei panettoni in esubero. Ho appena finito le colombe pasquali dell'anno scorso ;)

    RispondiElimina
  19. Sono sconcertato dal termine frotteurismo.

    RispondiElimina
  20. Mi sfugge il ruolo di Wales a inizio post...

    RispondiElimina
  21. Scusa,Ettore...
    ho appena notato che noi scriviamo CONSEGUENZE D'AMORE!
    Ho le lacrime dal ridere ;)

    RispondiElimina
  22. @ mr.T: siccome grazie alla sua faccia questo genio ha raccolto qualcosa come 16 milioni di € (http://www.trackback.it/articolo/wikipedia-si-salva-grazie-alle-donazioni-da-16-milioni-di-dollari/31063/), ho pensato di metterla in cima ai post, fusscafuss.

    @ Violet e D.: sono svilito e svirilito. Ho bisogno di una botanica.

    @ AbatJour: ci aspetta il whalallalla'.

    @ Sassicaia: l'incredibile mondo delle parafilie

    @ Ubi: dipendera' dai conservanti. Uno l'ho dovuto tenere a bagnomaria per poterlo ridefinire commestibile.

    @ benz: i capelli me li taglio da solo.

    @ Grace (boss): si, l'ammore commuove anche me.

    RispondiElimina
  23. Sì, anch'io mi trovo in questa condizione all'inizio e alla fine di ogni anno.
    Diciamo per i primi 183 e per gli ultimi 182 giorni.
    La soluzione è un ottimistico pessimismo; dirsi che il bicchiere è vuoto per un quarto.

    RispondiElimina
  24. tosse esterna ? la mia è interna, anzi è conficato in fondo e ne vuole saperne niente [la matassa è un ambulatorio ? ci sono le vecchiette che brontolano perché hanno pressia? No, perché ieri ero conciato peggio di una ottantenne pronta a passare "les armes à gauche" ...]

    RispondiElimina
  25. La Matassa e' la matassa: all'occorrenza ho tanti rotocalchi del 2005 per aggiornarci su Savoia e Grimaldi. E' c'e' una certa esperienza in campo farmaceutico (e questp e' abbastanza vero). Orari 9,00-13,00/15,00-19,30.
    Sono esclusi i vecchissimi e quelli che puzzano di antitarme. Gli informatori scientifici gravidi di corruzione si ricevono per appuntamento.

    RispondiElimina
  26. io gli informatori li prenderei a sassate (ma mi scordo sempre i sassi), e a mangelate quando hanno la buona idea di arrivare in 3 mentre tu aspetti il tuo turno insieme a 10 persone

    RispondiElimina
  27. uffa, volevo proprio aiutare il POVERO Jimmy Wales.

    RispondiElimina